Feb
17
2017

Il Taulà dei bos a Cibiana

“Se capiti a Cibiana una volta non sarà mai l’ultima. Niente di più vero per quel che mi riguarda.” Così inizia una storia di consapevole follia, da Bologna a Cibiana. La storia è quella di Federico, gestore del ristorante presso il grande polo del Taulà dei Bos. Un centro culturale pensato per gli eventi e la vita del paese e della comunità che abita questo splendido borgo del Cadore, vicino alla Val di Zoldo.

taula-bos-cibiana

Il Taulà dei bos

E d’altronde come non lasciarsi prendere dal suo fascino, vie strette fatte per essere percorse a piedi, strade per il cammino, che ti guidano attraverso i racconti dei murales che riempiono il centro storico di colori e di vicende antiche e moderne.

cibiana-1

Perché Cibiana è fatta di persone, che la vivono ogni giorno e che attraverso la loro esperienza regalano nuovi contributi e progetti, come Federico:

“Invitato da amici nel 2009 per un weekend di relax l’atmosfera di questo piccolo borgo magico arrampicato sui monti mi è entrata nel cuore. Da qui la decisione di comperare casa per passare i weekend e le ferie estive.

cibiana-5

Però ogni volta che ripartivo e mi lasciavo alle spalle quelle che erano diventate le mie montagne avvertivo una sorta di saudade che non potevo più ignorare.

cibiana-cadore-8

Da qui la consapevole follia di lasciare 39 anni di vita in città, il lavoro e inseguire quello che per me è diventato un sogno: rendere il Taulà dei Bos un posto accogliente in cui trasmettere un po’ di questa atmosfera magica a tutti quelli che ci vengono a trovare.

taula-bos-cibiana

Per questo il Taulà dei Bos non è e non sarà mai solo un buon ristorante, ma soprattutto il simbolo di un paese magico in cui ritrovare se stessi”.

ristorante-taula-bos-cibiana-2

Se vuoi ritrovare anche tu la stessa magia scopri il Taulà del bos e i suoi eventi.


Alcuni spunti per una visita a Cibiana:

I murales: forse una delle attrattive principali, i murales di Cibiana raccontano la vita del paese e del territorio, da tempi antichissimi, come la pittura che vedrete vicino al Taulà. Si tratta di “la vecia e l’Aviano” dipinta nel 1982 da Walter Pregnolato. Narra la storia del soldato che, nel lontano 1508, era in attesa delle truppe della Serenissima guidate da Bartolomeo d’Alviano, vincitrici sull’imperatore Massimiliano I d’Austria, in seguito al suo tentativo di conquistare e distruggere Venezia.

cibiana-3

Le chiavi: Specializzazione degli artigiani di Cibiana sono proprio le chiavi, talmente abili da fondare negli anni quaranta un’azienda leader nel settore di produzione di chiavi e serrature.

Andare a cavallo: presso il Taulà dei bos è possibile organizzare un’uscita a cavallo nei pressi di Borca di Cadore. Coming soon, le gite alla scoperta dei luoghi più inesplorati di Cibiana.

Messner e la natura selvaggia: a Cibiana come ben saprete, le Dolomiti convivono con la montagna pura, quella selvaggia e  universale, attraverso le opere della collezione di Reinhold Messner, il famoso alpinista. Da in cima al passo Cibiana (circa 5 km e mezzo da Cibiana) parte la strada che conduce in cima al Monte Rite, dove è possibile visitare il Museo delle nuvole, collocato in un luogo panoramico dalla bellezza infinita e… incontenibile! E se vi trovate presso il Taulà, non potete non approfittare della mostra permanente che riguarda lo stesso tema: l’Archive basecamp Taulà di Messner! Anche in questo caso, incorniciata dai panorami spettacolari e wild dell’imponente Sassolungo.

monte-rite-zoldo-cibiana

Vista dal Monte Rite (Franco Voglino)

E voi? Siete già stati a Cibiana? Raccontateci il particolare che vi piace di più!

TAGS: , , , , , , , , , ,

Ti è piaciuto questo post?
Iscriviti per ricevere tutti i nuovi post nella tua casella di posta.

2 commenti

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.