Dic
29
2016

Condividere l’inverno

Certe volte gli abitanti del bosco si lasciano vedere, si avvicinano alle case timidamente, alla ricerca di nutrimento e di provviste per sopravvivere all’inverno. Dovranno affrontare l’intera stagione, tra neve, cibo che scarseggia e temperature sotto lo zero. La loro guida sarà l’istinto e le capacità di adattamento che ognuno di loro possiede.

volpe-zoldo

La natura sarà messa alla prova, una sfida che riuscirà a superare seguendo i suoi ritmi e la sua speciale armonia. Condividere l’inverno significa rispettare le dinamiche dell’ambiente e tutti i sistemi che esso ospita. Alcuni gesti che a noi sembrano innocui potrebbero infastidire o addirittura nuocere agli animali selvatici, così delicati e fragili, ma allo stesso tempo irresistibilmente affascinanti, perché appartengono al nostro immaginario.

bambi

Chi non ricorda Bambi?

Ci verrà spontaneo cercare di avvicinarli e di accattivarli per rendere reale l’idea grandiosa che abbiamo di loro, tuttavia bisogna sempre fare attenzione, ricordandoci di non intervenire disturbandoli.

Ecco alcuni suggerimenti per non interferire con la natura:

– ricordare di tenere al guinzaglio i propri cani. Spesso i nostri amici possono spaventare gli animali che vivono nel bosco, confondendoli e rischiando di metterli in pericolo.

– non fare escursioni fuori dai sentieri e dalle piste già frequentate, soprattutto non con mezzi motorizzati, evitando di spaventarli con forti rumori in luoghi che si sono conservati silenziosi e tranquilli.

– non alimentare gli ungulati (cervi e caprioli) che si dovessero avvicinare alle abitazioni. In particolar modo, non con pane e cibi contenenti amidi, essendo il loro stomaco non predisposto a digerirli. Inoltre questo potrebbe rallentare il ritorno degli animali nel loro habitat, sconvolgendone gli equilibri.

Questi suggerimenti sono consigliati anche dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Belluno, in una campagna volta alla sensibilizzazione verso comportamenti corretti nei confronti delle creature che popolano la montagna.

Cervi, caprioli, tassi, volpi, tutta la fauna selvatica appartiene al bosco ed è giusto non sforzare i meccanismi che la rendono così preziosa e straordinaria.

bosco-1

Per il resto, non possiamo che augurarvi dolci incontri e di condividere l’inverno con dolcezza e saggezza.

TAGS: , , , , ,

Ti è piaciuto questo post?
Iscriviti per ricevere tutti i nuovi post nella tua casella di posta.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.